Giovani 18-30 anni

 

Guarda l'orizzonte e troverai la via! 

 

Desideri, scelte, orizzonti… Un ciclo di catechesi per tutti i giovani, a San Donato in Polverosa, subito dopo la messa degli universitari. Guidati da fra Francesco Baldini, per un nuovo cammino insieme! Ti aspettiamo!

 


Nella vita, a un certo momento, siamo chiamati a dare nuovi input alla nostra esistenza. Alcuni sono il frutto del decorso naturale della crescita del corpo. Altri sono la conseguenza di libere scelte per raggiungere gli obiettivi desiderati.

All'università, al lavoro, in famiglia... chi non sente il richiamo a ridare vigore al tenue filo che ci porta verso la felicità, quella che nessuno ci può strappare? “Solo la verità vi farà liberi”.

Quando? alle ore 20:30 dopo la Messa degli universitari presso i locali della parrocchia di San Donato in Polverosa in Firenze Via di Novoli 31.

Di seguito i giorni in cui ci ritroviamo:
domenica 28 novembre
domenica 30 gennaio
domenica 27 febbraio
domenica 27 marzo
domenica  8 maggio

 

 

Firenze, la preghiera dei giovani con la comunità del seminario
Nella chiesa di San Frediano a Firenze riprende la preghiera dei giovani con la comunità del seminario ogni secondo lunedì del mese.

Percorsi: GIOVANI 

«Come può nascere un uomo quando è vecchio?» Il versetto del Vangelo di Giovanni (dal dialogo notturno tra Gesù e Nicodemo) offre lo spunto, quest’anno, per la nuova serie degli incontri del lunedì: la preghiera dei giovani con la comunità del seminario, ogni secondo lunedì del mese alle ore 21,15 nella chiesa di San Frediano in Cestello.
Per chi viene in auto è possibile parcheggiare in seminario. Le date:

8 febbraio 2022, 8 marzo, 19 aprile, 10 maggio.

A causa dell’emergenza Covid, per l’accesso è richiesto il green pass

Per il momento è sospesa la cena comunitaria prima dell’incontro.
 
-----------------------------------------------------------

Anche le ferite, le storture che la vita ci può procurare, le fatiche come pure gli entusiasmi e le gioie del cammino sono un tesoro prezioso. Non possiamo abbandonarle e perderle. Fanno parte della nostra storia. Nel Vangelo tutto ciò che è umano è valorizzato o perdonato o trasfigurato.

 

PERCHÉ INSIEME È INFINITAMENTE MEGLIO!